Blog

L'economia circolare potrebbe essere il prossimo greenwash

by Laurel Brunner | 21/09/2022
L'economia circolare potrebbe essere il prossimo greenwash

Laurel Brunner discute del rischio che il concetto di economia circolare venga utilizzato per il greenwashing.

O forse no. L'economia circolare è un concetto enorme, quindi è comprensibilmente attraente per i professionisti del marketing che non si aspettano davvero che il pubblico di destinazione faccia di più che essere impressionato dalla frase. Ma se le aziende sono almeno consapevoli delle economie circolari, ciò deve essere positivo. Solo per ricordarti, un'economia circolare è quella in cui i rifiuti di un processo diventano la materia prima per un altro processo correlato. Questa è una definizione certamente semplicistica, ma si spera che sia sufficiente per farti un'idea. Se si desidera una definizione più adulta, la Fondazione Ellen MacArthure definisce un'economia circolare un "quadro di soluzioni di sistema che affronta sfide globali come il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità, i rifiuti e l'inquinamento".

Per quanto disprezziamo il greenwash, si potrebbe sostenere che ogni sua goccia può fare la differenza e alla fine aiutare una più ampia consapevolezza ambientale. Per questo, quindi, cerchiamo di non sospirare quando leggiamo l'ennesimo comunicato stampa che propaganda idee per sostenere un'economia circolare. La ripetizione di un messaggio alla fine farà la differenza, anche se il messaggio suona come un greenwash.

Actega, un produttore di rivestimenti speciali, inchiostri, colle e sigillanti, ha recentemente dichiarato il suo piano per diventare più sostenibile. L'azienda, come la maggior parte delle aziende responsabili, sta investendo in strutture e ricerca e sviluppo. Ma Actega sta lavorando anche per ottenere non meglio specificate “nuove certificazioni ambientali” che dovrebbero includere la ISO 14001 per i sistemi di gestione ambientale.

L'azienda pone la sostenibilità al centro della propria attività, in particolare nello sviluppo di nuove tecnologie e prodotti. La buona notizia è che Actega riconosce che tutti dobbiamo "andare verso materie prime più sostenibili... per combattere il cambiamento climatico", come riassume Benjamin Lux, Chief Technology Officer di Actega.

Il signor Lux riconosce che "Dobbiamo... chiederci come vogliamo gestire le risorse, realizzare e utilizzare i prodotti e cosa intendiamo fare in seguito con i materiali". In risposta Actega si è impegnata in cinque tattiche per avvicinare il business a un'economia circolare. Essi sono: garantire che i prodotti Actega possano essere riciclati; ridurre lo spreco di materiale e il consumo di energia; adoperarsi per rimuovere i materiali che non possono essere facilmente riciclati dai prodotti; utilizzare alternative ai materiali pericolosi nei prodotti; e guardare a partnership per garantire la completa degradabilità dei componenti di imballaggio che non possono essere riciclati.

Questo è un approccio che sempre più aziende stanno perseguendo. Iniziano con una comprensione più completa delle materie prime nei loro prodotti per vedere cosa può e non può essere sostituito con qualcosa di meno ostile all'ambiente. Quindi prendono in considerazione potenziali riformulazioni. Le aziende stanno lavorando con clienti, fornitori e autorità di regolamentazione al fine di garantire uno sviluppo del prodotto sicuro e sostenibile dal punto di vista ambientale. Questo è ciò che dovrebbe essere al centro di come il nostro settore avanza verso la circolarità e, si spera, che più aziende intraprenderanno la strada di Actega.

Informazioni sulla fonte: questo articolo è stato prodotto dal Progetto Verdigris, un'iniziativa del settore volta a sensibilizzare sull'impatto ambientale positivo della stampa. Questo commento settimanale aiuta le aziende di stampa a tenersi al passo con gli standard ambientali e come una gestione aziendale rispettosa dell'ambiente può aiutare a migliorare i loro profitti. Verdigris è supportato dalle seguenti aziende: Agfa Graphics , EFI , Fespa , Fujifilm , HP , Kodak , Miraclon , Ricoh Splash PR , Unity Publishing e Xeikon .

by Laurel Brunner Torna alle notizie

Interessato ad entrare a far parte della nostra community?

Richiedi oggi stesso per entrare a far parte della tua Associazione FESPA locale o FESPA Direct

Informarsi oggi

Notizie recenti

Caratteristiche

COP 27: cosa può fare l'industria della stampa per combattere il cambiamento climatico?

La COP 27 si è svolta il 20 novembre, nella città costiera egiziana di Sharm el-Sheikh. La conferenza ha offerto molti spunti per le aziende e le industrie e le ha incoraggiate a intraprendere un'azione globale per apportare cambiamenti positivi in materia di cambiamento climatico.

25-11-2022
Caratteristiche

Quali sono le sfide quando si avvia un marchio di moda firmato?

Debbie McKeegan condivide approfondimenti sul mercato in evoluzione per i marchi di moda firmati. Inoltre, descrive in dettaglio le sfide affrontate durante la creazione di un marchio di moda firmato.

23-11-2022
Caratteristiche

Prodotti personalizzati: il futuro della stampa digitale

I clienti stanno diventando più consapevoli dei propri consumi. C'è una crescente domanda di prodotti autentici e personalizzati che sta prendendo il sopravvento sui semplici beni industriali. Per gli stampatori, questo offre una nuova opportunità di crescita sostenibile.

21-11-2022
Caratteristiche

Come prevenire i guasti alle macchine per migliorare la produttività

Nessan Cleary discute l'importanza di capire come si usurano i componenti e come questo può prevenire i guasti della macchina per migliorare e aumentare la produttività.

17-11-2022