Il mondo di domani

Nuovi materiali sostenibili al Sustainability Spotlight

by FESPA Staff | 22/04/2024
Nuovi materiali sostenibili al Sustainability Spotlight

Sustainability Spotlight è tornato a grande richiesta al FESPA Global Print Expo il mese scorso in una mostra curata da The Good Factory.

Il mese scorso, FESPA ha collaborato con The Good Factory al FESPA Global Print Expo (GPE) di Amsterdam per presentare Sustainability Spotlight , un'esposizione di materiali tessili in quattro categorie: pelle e alternative alla pelle, tessuti sintetici, tessuti cellulosici e tessuti naturali. Ogni materiale è stato valutato per fornire ai visitatori del FESPA GPE informazioni trasparenti e pertinenti per l'utilizzo del materiale nella grafica a breve termine, nell'arredamento di interni e nella moda. E ovviamente il display stesso, realizzato con Re-board sostenibile, aveva un'impronta di carbonio di 3.269 kg CO2e più leggera rispetto alla sua controparte MDF.

In qualità di esperto tessile e di approvvigionamento specializzato in sostenibilità, Sam Taylor, fondatore di The Good Factory, ha collaborato con FESPA negli ultimi due anni raccogliendo e curando un'ampia gamma di materiali sostenibili, selezionandoli da centinaia di possibili esposizioni fino a 40 + in mostra. La cura del contenuto richiede una chiara comprensione di ciò di cui gli stampatori hanno bisogno e la loro distillazione in informazioni utili e pertinenti affinché possano digerirle e su cui agire.

Perché Sustainability Spotlight è importante?

I marchi stanno esaminando sempre più i vantaggi derivanti dalla riduzione delle emissioni di ambito 3 e dalla trasparenza nelle loro catene di fornitura. Chiedono materiali più ecologici e maggiore responsabilità perché lo sono i loro clienti, e i materiali sostenibili sono preziosi negli schemi di certificazione e di calcolo del carbonio. Il prezzo elevato dell’energia fa sì che le aziende si concentrino maggiormente sulle energie rinnovabili per aumentare la propria efficienza energetica, e l’uso efficiente di materiali sostenibili porta anche a minori emissioni e vantaggi in termini di costi.

Ogni articolo in Sustainability Spotlight è dotato di una propria scheda informativa, che fornisce il seguente elenco di controllo: informazioni sul produttore e ubicazione, standard di qualità associati, composizione, peso, larghezza, servizio di stock, quantità minima ordinabile bassa/alta, contenuto riciclato, riciclabilità e emissioni. Inoltre veniva indicato se il produttore aveva una politica idrica, energetica o sociale e se i filati erano completamente tracciabili. Una chiave di certificazione di accompagnamento riguardava Global Recycling Standard, GPTS, OEKO-TEX, Bluesign, Crib 5, certificazione ignifuga e risultati Martindale.

Ciascun prodotto è stato inoltre accompagnato da un questionario. Queste domande di ricerca, progettate per testare a fondo la reale sostenibilità di fondo del prodotto, possono essere visualizzate alla fine dell'articolo. Oltre a determinare quanto bene il prodotto possa potenzialmente inserirsi nell’economia circolare, le domande esplorano gli impatti sociali e finanziari di ciascun materiale specifico.

Allora come si stanno sviluppando i materiali sostenibili?

I materiali di prossima generazione attraversano un processo incredibilmente lungo e possono richiedere anni per svilupparsi completamente. Prodotti come il micelio (la sostanza presente nella struttura radicale dei funghi che può formare alternative alla pelle) o i materiali a base di alghe possono sembrare nuovi ma sono stati sperimentati e perfezionati nel corso degli anni, afferma Sam. Ad esempio, nel 2006 Ecovative ha depositato un brevetto per un imballaggio realizzato con micelio.

Mycelium è particolarmente pertinente in quanto la pelle è destinata a essere colpita dalla normativa europea sulla deforestazione e i marchi stanno già esaminando alternative alla pelle. Stella McCartney, Adidas e Lululemon hanno collaborato con Mylo, una pelle di micelio, per creare borse, scarpe da ginnastica e tappetini per lo yoga.

"Tuttavia, il regolamento UE non si applica ai prodotti riciclati", afferma Sam. “Quindi mi aspetto di vedere molta più pelle riciclata arrivare alla catena di fornitura. L’unica altra scelta sono i materiali di origine biologica. Ma sfortunatamente il materiale biologico contiene ancora plastica, perché la proporzione migliore tra biomateriale e qualche tipo di legante plastico è pari a circa l’85% di materiale biologico. Pertanto, non può far parte di un flusso di lavoro completamente circolare, ma si adatta bene alle strategie net zero”.

Allora quali sono le migliori alternative alla pelle? “Potresti utilizzare prodotti in gomma naturale: Natural Fiber Welding produce Mirum [un’alternativa senza plastica alla pelle realizzata con gomma naturale e oli vegetali]. Ma questi materiali devono anche essere conformi alla normativa europea sulla deforestazione, il che può rendere il processo più difficile.

"I vantaggi del micelio sono che è economico, abbondante e veloce da girare, anche se non è resistente come la vera pelle."

Anche i prodotti di origine biologica, soprattutto alimentari, stanno diventando sempre più popolari, soprattutto nel settore dell’abbigliamento. "Le foglie di banano producono un'elevata quantità di rifiuti e il vantaggio è che le banane sono un frutto incredibilmente popolare", afferma Sam. “L’estrazione dei rifiuti alimentari diventa più difficile quando il cibo non è un prodotto popolare o richiede una lavorazione aggiuntiva. Ma è un ottimo modo per far parte dell’economia circolare”.

Un'altra area esaminata da Sustainability Spotlight è stata la cellulosica, materiali realizzati con pasta di legno disciolta. Sam afferma: “È anche possibile prendere i prodotti di scarto e trasformarli in cellulosa. Penso che questo sia il futuro, in particolare con la strategia tessile statunitense, che sta introducendo un programma di ritiro dei tessuti. Pertanto la cellulosa farà parte della strategia dell’UE sui rifiuti tessili e del Green Deal statunitense.

È chiaro che i sintetici riciclati diventeranno più grandi, e senza dubbio l’uso di sintetici vergini inizierà a ridursi ad un certo punto. Tuttavia, come sottolinea Sam: “Puoi ricavare 6.000 prodotti da un barile di petrolio, quindi troverai sempre qualche forma di poliestere vergine sul mercato. Quindi il riciclo rimane fondamentale in questo settore”.

Greenwashing e cattura del carbonio

Le nuove leggi sul greenwashing nel Regno Unito e nell’UE influenzeranno notevolmente questo mercato. "È un greenwashing affermare che si utilizzano bottiglie di plastica riciclata per produrre tessuti quando le bottiglie passano direttamente dalla fabbrica al riciclatore senza essere prima vendute."

Alcuni marchi sono già diventati i primi. "Aziende come Lululemon hanno ora creato i propri impianti di riciclaggio e la propria fornitura di materie prime al dettaglio", afferma Sam. “E i materiali a base biologica inizieranno quindi a colmare questa lacuna tessile”.

Inoltre, la tecnologia per la cattura del carbonio è un’area in crescita, afferma Sam: ad esempio, l’anno scorso H&M ha presentato una collezione utilizzando materiali realizzati con CO2 catturata nelle acciaierie. In futuro, forse i produttori di tessuti potrebbero essere ubicati insieme alle fabbriche e accanto alle ciminiere potrebbero essere installate tecnologie di cattura del carbonio.

Quindi cosa apparirà al Sustainability Spotlight del prossimo anno, alla FESPA Global Print Expo 2025 di Berlino? Sam afferma: “Ogni anno esponiamo solo una piccolissima percentuale del lavoro che abbiamo svolto. Questo è fantastico, perché ogni volta che vai scoprirai nuovi materiali che non hai mai visto prima”.


Domande materiali sulla sostenibilità Spotlight

Il prodotto ha il potenziale per contribuire all’economia circolare?

  • Può essere riutilizzato a fine vita?
  • È riutilizzabile?
  • È facilmente riciclabile utilizzando le infrastrutture esistenti?
  • È stato realizzato con meno materiali, rendendolo più facile da riciclare (ad esempio, il nucleo è uguale alla superficie)?
  • Contiene contenuto riciclato?

La produzione o la lavorazione riducono il consumo di energia?

  • Il prodotto contiene meno energia o carbonio incorporato (ad esempio, meno energia utilizzata nella produzione, risorse rinnovabili utilizzate per fornire l'energia utilizzata nella produzione)?

Il prodotto è stato sviluppato per offrire un utilizzo più efficiente delle risorse?

  • Utilizza meno materiale nella produzione?
  • Consente di utilizzare meno materiale nelle applicazioni del prodotto finito (ad esempio, può essere stampato direttamente, quindi non è necessaria la laminazione della carta)?

Il materiale è più efficiente dal punto di vista energetico nel suo utilizzo (ad esempio, è necessaria una minore lavorazione per creare il prodotto finito, ad esempio non è richiesta la laminazione)?

L'impatto del materiale sull'ambiente naturale, compreso l'approvvigionamento delle materie prime, la produzione dell'articolo, la lavorazione con esso per produrre articoli finiti, l'articolo o i beni realizzati utilizzando l'articolo durante la sua vita o al termine della sua vita.

  • Riduzione dell'inquinamento atmosferico durante la produzione, l'uso o al termine del ciclo di vita (ad esempio problemi di inquinamento attorno al PVC, emissioni di composti organici volatili dagli inchiostri)
  • Riduzione dell'inquinamento acquatico durante la produzione, l'uso o al termine del ciclo di vita (ad esempio eliminazione o riduzione delle microplastiche, miglioramenti ai flussi di effluenti di fabbrica)
  • Riduzione della deforestazione/biodiversità (ad es. la soia utilizzata negli inchiostri non contribuisce alla deforestazione

Benefici sociali: politiche attive sul trattamento dei lavoratori e della catena di fornitura implementate ed evidenziate

  • Finanziario, per sostenere un lavoro dignitoso per tutti, come retribuzione equa, parità di retribuzione per le donne, apprendistato e altri programmi per inserire le persone nella formazione e nel lavoro?
  • Sociali, come diversità (di genere, età, etnia, religione, disabilità), inclusione, tutela dei diritti del lavoro?
  • Il produttore è certificato come B Corp, Fairtrade, salario minimo o altro?

by FESPA Staff Torna alle notizie

Diventa un membro FESPA per continuare a leggere

Per saperne di più e accedere a contenuti esclusivi sul portale Club FESPA, contatta la tua associazione locale. Se non sei un membro attuale, chiedi informazioni qui . Se non ci sono associazioni FESPA nel tuo paese, puoi unirti a FESPA Direct . Una volta diventato membro FESPA, puoi accedere al Portale Club FESPA.

Notizie recenti

In che modo la produzione di adesivi personalizzati può aumentare le entrate
Consulenza aziendale

In che modo la produzione di adesivi personalizzati può aumentare le entrate

Abbiamo parlato con Antigro Designer del suo nuovo software personalizzato che mira a reinventare la produzione di adesivi.

28-05-2024
Ricami multicolori su richiesta
Consulenza aziendale

Ricami multicolori su richiesta

Conny Svanberg, esperta di ricamo digitale presso Coloreel ed espositore alla sezione Personalize Make Wear presso Personalized Experience e Sportswear Pro 2024, parla della sublimazione della tintura e della gestione del colore.

28-05-2024
Iniziare con la sensazione tattile: swissQprint
Consulenza aziendale

Iniziare con la sensazione tattile: swissQprint

Carmen Eicher, Chief Sales and Marketing Officer, swissQprint e Claudio Müller, Application Engineer, discutono del business della costruzione aptica.

28-05-2024
Come le aziende di stampa possono avere rapporti migliori con personale nuovo e giovane
Come guidare

Come le aziende di stampa possono avere rapporti migliori con personale nuovo e giovane

Il reclutamento e la fidelizzazione rimangono un problema in molte aziende di stampa. Abbiamo parlato con Chloe Combi, autrice di best seller ed esperta di generazioni emergenti, di come gli stampatori possono massimizzare il loro rapporto con i giovani lavoratori.

28-05-2024