Il mondo di domani

Che impatto ha l'essere un business netto positivo sul settore?

by FESPA Staff | 16/12/2022
Che impatto ha l'essere un business netto positivo sul settore?

Abbiamo parlato con Andrew Winston, uno dei leader di pensiero più rispettati al mondo sulla questione della sostenibilità - e coautore con l'ex capo di Unilever Paul Polman del recente libro Net Positive - sui cambiamenti che devono avvenire per le aziende in generale, e stampanti in particolare.

Parlaci di Net Positive e del messaggio centrale del libro...

Sono stato coautore di Net Positive con Paul Polman, che è stato CEO di Unilever per un decennio ed è considerato uno dei protagonisti della sostenibilità e della sua introduzione nel mondo degli affari. Entrambi abbiamo sentito una reale urgenza di spingere ulteriormente l'agenda della sostenibilità perché, riteniamo, il mondo non sta progredendo abbastanza velocemente sugli attuali problemi di sostenibilità, come il cambiamento climatico.

Per 20 anni ho lavorato per convincere le aziende che la sostenibilità è una strategia fondamentale per il modo in cui creano valore e come potrebbe aiutarle a diventare un'azienda migliore, che prospera aiutando il mondo a prosperare. L'idea di una "società positiva netta" è quella che cresce e guadagna e fa tutte le cose che le aziende hanno sempre fatto tradizionalmente, ma lo fa risolvendo i problemi del mondo, piuttosto che contribuendo a crearli.

La domanda centrale che sta alla base di tutto questo: il mondo è un posto migliore perché c'è la tua attività? Trovo che porre questa domanda dia alle persone il tempo di fare un passo indietro e pensare. Per la maggior parte delle persone è molto difficile rispondere. Stai contribuendo a migliorare il benessere di tutti coloro che incidono come azienda? Ciò include i tuoi fornitori, i tuoi clienti, i tuoi dipendenti, tutti, compresi i tuoi azionisti.

Quello che poi sembra in pratica è l'argomento del libro. Come si crea un'azienda che fa tutto questo in modo naturale? Come si crea un'impresa che risolva i problemi, che migliori il benessere delle persone e che contribuisca alla soluzione dei nostri maggiori problemi, in particolare il cambiamento climatico e la disuguaglianza? Questi sono due problemi generali che sono esistenziali e rappresentano enormi minacce per il nostro benessere.

Dove vedi che l'industria della stampa la renderà un'industria più sostenibile?

Ci sono così tanti settori in cui la stampa ha un ruolo. Ad esempio, la moda di alta moda è uno dei settori che negli ultimi anni si è svegliato per le dimensioni della sua impronta. Per anni, le discussioni sulla sostenibilità e sul clima si sono concentrate sugli obiettivi ovvi: società energetiche, servizi pubblici, industria pesante. Ma poi è diventato chiaro che ci sono altri settori che hanno impatti enormi.

Il cibo e l'agricoltura sono probabilmente i più impattanti, con la moda e l'abbigliamento che hanno anche un impatto significativo. Questi settori generano un'enorme impronta di carbonio. Ha una delle più grandi impronte idriche: tingere i vestiti durante il processo di produzione e poi lavare i vestiti mentre li usi. A questo si aggiunge la crescita del fast fashion negli ultimi anni, che l'ha peggiorata esponenzialmente.



Ma abbiamo idee su come potrebbe essere andando avanti. Uno dei classici esempi di sostenibilità è Patagonia. Stanno sempre spingendo le persone a non comprare qualcosa a meno che non ne abbiano davvero bisogno - è famoso per aver pubblicato un annuncio che diceva: "Non comprare questa giacca per Natale quest'anno". Lo intendono davvero. Non si sono preoccupati tanto della crescita quanto dei loro principi, eppure sono cresciuti rapidamente nell'ultimo decennio.

C'è bisogno di fornire una gamma di abbigliamento che duri più a lungo, che abbia capi basici che non richiedano continue sostituzioni, e che si inserisca in un settore che si occupa del fine vita dei propri prodotti. Queste sono le grandi sfide e le grandi organizzazioni di questi settori ci stanno lavorando ora. Esistono molti programmi di ritiro, riutilizzo e rivendita. Questo è davvero ciò che la sostenibilità inizia ad assumere per il settore: è molto più una questione di modello di business per ridurre il flusso di prodotti e creare nuovi prodotti che dureranno e che possono essere riutilizzati. Ciò avrà quindi il potenziale per ridurre gran parte dell'energia utilizzata per produrre abbigliamento e tessuti.

C'è anche il fattore sociale, con filiere che coinvolgono chi coltiva cotone e chi lavora nelle fabbriche di abbigliamento. Anche i loro mezzi di sussistenza e il loro benessere devono far parte dell'agenda. È un settore davvero complicato ma che sembra muoversi nella giusta direzione.

Quando le aziende si concentrano principalmente sulla ricerca del profitto, è facile comprendere le "regole" del business. Non è difficile per le aziende sapere esattamente quali sono queste nuove regole in questa era moderna?

Questo è uno dei problemi fondamentali. Il mio lavoro si concentra sull'incoraggiare le aziende a vedere la sostenibilità come un problema che le aiuterà a prosperare, ma la missione alla base riguarda davvero la storia e la narrativa.

Negli ultimi 50 anni, c'è stata una storia molto specifica del modello economico neoliberista, secondo cui lo scopo del business è solo quello di massimizzare il valore per gli azionisti e il libero mercato risolverà tutto. Il motivo per cui penso che siamo diventati ossessionati dal valore per gli azionisti o dai prezzi delle azioni è perché quelli sono numeri e sono facili da capire. Ma quelle sono misure davvero ristrette del pieno benessere. È come prendere solo il tuo livello di colesterolo e credere che questo ti dirà tutto ciò che devi sapere su come stai andando come essere umano.

È molto più complicato avere una misura di come la tua azienda sta influenzando il mondo in termini di emissioni di carbonio, utilizzo dell'acqua, salari e questioni relative ai diritti umani. È anche una cosa più difficile da misurare. Ma sappiamo in che direzione dobbiamo andare. Sappiamo che dobbiamo decarbonizzare. Sappiamo che dobbiamo aumentare i salari. Ci sono queste idee di base verso le quali sappiamo che dobbiamo dirigerci.

Per ulteriori informazioni, visitare netpositive.world

Leggi la seconda parte di questa intervista per scoprire in che modo gli stampatori possono trarre profitto e garantire un futuro di successo applicando metodi innovativi sostenibili .

by FESPA Staff Torna alle notizie

Diventa un membro FESPA per continuare a leggere

Per saperne di più e accedere a contenuti esclusivi sul portale Club FESPA, contatta la tua associazione locale. Se non sei un membro attuale, chiedi informazioni qui . Se non ci sono associazioni FESPA nel tuo paese, puoi unirti a FESPA Direct . Una volta diventato membro FESPA, puoi accedere al Portale Club FESPA.

Notizie recenti

In che modo la produzione di adesivi personalizzati può aumentare le entrate
Consulenza aziendale

In che modo la produzione di adesivi personalizzati può aumentare le entrate

Abbiamo parlato con Antigro Designer del suo nuovo software personalizzato che mira a reinventare la produzione di adesivi.

28-05-2024
Ricami multicolori su richiesta
Consulenza aziendale

Ricami multicolori su richiesta

Conny Svanberg, esperta di ricamo digitale presso Coloreel ed espositore alla sezione Personalize Make Wear presso Personalized Experience e Sportswear Pro 2024, parla della sublimazione della tintura e della gestione del colore.

28-05-2024
Iniziare con la sensazione tattile: swissQprint
Consulenza aziendale

Iniziare con la sensazione tattile: swissQprint

Carmen Eicher, Chief Sales and Marketing Officer, swissQprint e Claudio Müller, Application Engineer, discutono del business della costruzione aptica.

28-05-2024
Come le aziende di stampa possono avere rapporti migliori con personale nuovo e giovane
Come guidare

Come le aziende di stampa possono avere rapporti migliori con personale nuovo e giovane

Il reclutamento e la fidelizzazione rimangono un problema in molte aziende di stampa. Abbiamo parlato con Chloe Combi, autrice di best seller ed esperta di generazioni emergenti, di come gli stampatori possono massimizzare il loro rapporto con i giovani lavoratori.

28-05-2024