Il mondo di domani

Chiusura del ciclo: riciclo in plastica e segnaletica

by FESPA Staff | 20/01/2023
Chiusura del ciclo: riciclo in plastica e segnaletica

Il distributore di materie plastiche Vink applica i principi dell'economia circolare al suo programma di ritiro della segnaletica in plastica per ridurre significativamente le emissioni di carbonio.

Il Club FESPA ha parlato con Gerry van Alst, Business Unit Manager, Signs and Graphics, e Bas Gepkens, Project Manager for Innovation and Development, presso il distributore di materie plastiche Vink nei Paesi Bassi.

Quali sono i semi del tuo programma di recupero del riciclaggio, ReVink?

Oggi la sostenibilità è importante quasi quanto la qualità dei prezzi, la disponibilità dei materiali e i tempi di consegna. Tra cinque anni, sarà un fattore di differenziazione cruciale. In qualità di leader del mercato globale, abbiamo sempre saputo che dovevamo aprire la strada alla sostenibilità. Se guardi diverse organizzazioni, ognuna ha impatti diversi. Quindi un'azienda che costruisce alloggi sociali, ad esempio, avrà un impatto sociale. Il più grande impatto di Vink sarà sempre ecologico.

Quando abbiamo esaminato le nostre emissioni di CO2, abbiamo visto che l'utilizzo di materiali era il nostro maggior contributo alle emissioni. Abbiamo analizzato diversi tipi di materiale e quali sarebbero le emissioni di CO2 se riciclassimo il materiale. E abbiamo visto che potevamo ottenere una riduzione fino al 90% quando si realizzava un processo a ciclo chiuso lungo tutta la catena di fornitura.

Abbiamo avviato il nostro programma di riciclaggio perché non eravamo soddisfatti dei metodi della maggior parte delle organizzazioni di riciclaggio europee generiche. La maggior parte di questi modelli di business è semplice: ritirano le merci dai trasformatori, le macinano per renderle facili da trasportare e poi le esportano in Asia, dove le persone pagano molto per questi materiali. Ma una volta arrivato in Asia, quelle materie prime non le vedi mai più: il più delle volte finiscono in prodotti di qualità inferiore, come i segnali stradali. Inoltre, i polimeri sono spesso miscelati in prodotti diversi, rendendo quasi impossibile ottenere la circolarità.



La posizione unica di Vink è il nostro collegamento diretto con i nostri clienti, i produttori di materie plastiche semilavorate. Quindi, in teoria, possiamo chiudere il cerchio. Abbiamo iniziato a ritirare i materiali dai nostri clienti e abbiamo trovato un modo per rielaborarli in una materia prima. Possiamo quindi mantenere il valore e le proprietà del materiale separando le diverse plastiche per realizzare fogli di plastica completamente riciclati, che avranno le stesse proprietà del materiale dei prodotti vergini. In questo modo, i nostri clienti possono (in parte) diventare i propri fornitori di materie prime.

Questo processo funziona per tutte le materie plastiche? Con che frequenza è possibile riciclare la plastica?

Sì, questo processo funziona per la maggior parte delle materie plastiche. La quantità di volte in cui una plastica può essere riciclata varia. Diversi polimeri possono essere riciclati meccanicamente fino a 15 o 20 volte senza perdere le proprietà del materiale. E ci sono alcuni polimeri che possono essere riutilizzati riciclati tre o quattro volte prima che inizino a degradarsi in modo significativo. Dipende dal tipo di polimero e dal metodo di riciclo.

Da un lato c'è il riciclo meccanico, dove si riprende il materiale, lo si rimacina per rimpicciolirlo di nuovo, lo si scioglie di nuovo in granuli e poi lo si rifonde in un foglio di plastica.

D'altra parte, possiamo riciclare chimicamente. Il più grande vantaggio del riciclaggio chimico è che puoi riciclare i polimeri a tempo indeterminato. Ad esempio, puoi vedere la struttura chimica del PMMA [poli(metilmetacrilato)] come una catena. Nel processo di polimerizzazione separiamo questa catena per arrivare agli elementi costitutivi di un polimero. Quindi rivendiamo questi elementi costitutivi ai nostri fornitori, che ne fanno di nuovo una catena.

Bas Gepkens (a sinistra) e Gerry Van Alst

Il riciclo chimico è un processo ancora in fase di perfezionamento. Diverse aziende sono molto avanzate nello sviluppo di un nuovo modo di depolimerizzare, con una notevole riduzione del consumo di energia e sostanze chimiche.

Il fattore più importante è la collaborazione con i nostri clienti e fornitori. Lavorare con loro è il passo più essenziale nello sviluppo di processi circolari.

Qual è la logistica per gestire enormi quantità di polimeri che ti tornano indietro?

In Olanda, abbiamo circa 20 camion che arrivano ogni giorno dai nostri clienti. Forniamo ai clienti scatole per pallet: più di 1000 scatole nei soli Paesi Bassi. Cerchiamo di combinare la consegna e il ritiro del materiale di scarto con l'ordinazione standard per renderlo il più efficiente possibile. Ogni settimana tre camion carichi di materiale tornano ai nostri fornitori.

Stiamo anche discutendo l'applicazione di questi concetti nei paesi vicini, come Belgio, Germania, Danimarca e Scandinavia.

Cosa succede se il supporto è stato spruzzato con un inchiostro non particolarmente ecologico? Questo ha un impatto sul processo di riciclaggio?

Dipende dal tipo di polimero e dal modo di riciclaggio. Prendi il PMMA, su cui stampano molti clienti. Il PMMA è un materiale trasparente per la maggior parte del tempo e l'inchiostro UV non è affatto un problema, perché nel processo di riciclaggio chimico l'inchiostro si dissolverà. E se lo fai meccanicamente, non importa che i nostri clienti stiano stampando tutto il loro PMMA poiché viene triturato e poi fuso e fuso di nuovo. C'è una regola molto semplice nel riciclaggio meccanico. Se non è chiaro quando entra, non sarà chiaro quando uscirà.

Vendiamo anche molto PVC bianco. Se i nostri clienti ci stampano sopra, non siamo più in grado di farne un foglio bianco. Quindi, sarà nero, per esempio. Ma puoi ancora ridurre la capacità totale del materiale vergine. Quindi il 10% o il 5% sul livello sinistro e poi il 5% sul livello destro. Puoi anche acquistarlo con un solo strato. In questo modo il prodotto è ancora riciclato, ma una piccola parte è ancora materiale vergine.

Sono emersi problemi particolari nello schema di ritiro?

Un grosso problema è che i clienti non separano correttamente i materiali. Alcuni potrebbero combinare il PVC con il PETG [polietilene tereftalato glicole] in una scatola. Non possiamo lavorare con questo. Se i polimeri vengono mescolati, ciò può causare danni alle nostre macchine e costi di 100.000 euro o più.

Quindi dobbiamo fidarci completamente dei nostri clienti. E questo significa che non gestiamo questo schema con tutti. Le persone con cui lavoriamo firmano contratti con noi, impegnandosi a separare diversi polimeri. Abbiamo anche lavoratori che controllano tutta la plastica che arriva, usando quella che chiamiamo una "pistola" che ci dice di che materiale si tratta. Ci dice: Questo è PETG. Questo è PMMA. Questo è il policarbonato. Questi sono tre materiali chiari che è difficile distinguere.

Scegliamo quei clienti che hanno la sostenibilità incorporata nella loro filosofia, nei loro principi di imprenditorialità. Dovrebbe anche essere parte della tua strategia. Al momento, il prezzo di costo di questi prodotti riciclati è molto più alto rispetto ai fogli vergini. In futuro, se più aziende decideranno di aderire a queste iniziative il volume crescerà, creando economie di scala. Di conseguenza, il prezzo dei costi diminuirà.

Ma se ci stai lavorando in questo momento e la sostenibilità sta diventando sempre più importante, svilupperai un vantaggio competitivo perché puoi mostrare ai clienti che hai esperienza in questo campo, che hai già messo in atto questi concetti di riciclaggio. In modo oggettivo, puoi dimostrare di essere effettivamente il tuo fornitore di materie prime.

In che modo Vink continuerà a lavorare per un'economia circolare nella segnaletica e nella plastica?

Attualmente esiste una normativa europea per l'industria dell'imballaggio, che richiede al fornitore dell'industria dell'imballaggio di utilizzare, ove possibile, un minimo dal 15% al 30% di materiale riciclato, escludendo gli imballaggi alimentari e gli imballaggi medicali per ovvi motivi. Quindi l'industria dell'imballaggio è sempre la prima ad essere colpita. E poi l'industria della plastica finita arriva al secondo posto. Questo è già qualcosa che stiamo cercando di vendere ai nostri clienti: dashboard che quantificano quante tonnellate di polimeri diversi hanno restituito e quante tonnellate di materiale riciclato hanno già acquistato. Ad esempio, se un cliente acquista 10 tonnellate di PVC riciclato e ne ha restituite otto tonnellate, può affermare in modo oggettivo di essere per l'80% il proprio fornitore di materie prime.

Incoraggiamo inoltre la certificazione ai nostri fornitori e ai nostri clienti. Quando siamo tutti certificati, questo è un ciclo completamente chiuso. E poi sai davvero che le nostre pratiche sono molto sostenibili.

Ma il risultato più importante, secondo me, è che abbiamo smesso di inviare materiale in Asia. Se è una materia prima preziosa, dobbiamo tenerla in Europa. E se applichi i processi giusti, può essere completamente salvato. Penso che sia qualcosa di cui le persone dovrebbero essere consapevoli. Ad esempio, guarda il POM [poliossimetilene], un polimero che era molto raro negli ultimi sei o sette mesi. Se tutti ci avessero dato i loro ritagli, avremmo potuto ricavarne di nuovo dei fogli nuovi.

Se uno dei nostri clienti consegna 10 tonnellate di plastica, può anche riacquistare una quantità simile di fogli riciclati (c'è sempre una perdita di materiale all'avvio di una macchina). In questo modo puoi anche salvaguardare la tua disponibilità di materiale e diventare il tuo fornitore. Ma penso che abbiamo ancora molta strada da fare per evidenziare questi vantaggi del lavorare in modo circolare.

by FESPA Staff Torna alle notizie

Diventa un membro FESPA per continuare a leggere

Per saperne di più e accedere a contenuti esclusivi sul portale Club FESPA, contatta la tua associazione locale. Se non sei un membro attuale, chiedi informazioni qui . Se non ci sono associazioni FESPA nel tuo paese, puoi unirti a FESPA Direct . Una volta diventato membro FESPA, puoi accedere al Portale Club FESPA.

Notizie recenti

In che modo la produzione di adesivi personalizzati può aumentare le entrate
Consulenza aziendale

In che modo la produzione di adesivi personalizzati può aumentare le entrate

Abbiamo parlato con Antigro Designer del suo nuovo software personalizzato che mira a reinventare la produzione di adesivi.

28-05-2024
Ricami multicolori su richiesta
Consulenza aziendale

Ricami multicolori su richiesta

Conny Svanberg, esperta di ricamo digitale presso Coloreel ed espositore alla sezione Personalize Make Wear presso Personalized Experience e Sportswear Pro 2024, parla della sublimazione della tintura e della gestione del colore.

28-05-2024
Iniziare con la sensazione tattile: swissQprint
Consulenza aziendale

Iniziare con la sensazione tattile: swissQprint

Carmen Eicher, Chief Sales and Marketing Officer, swissQprint e Claudio Müller, Application Engineer, discutono del business della costruzione aptica.

28-05-2024
Come le aziende di stampa possono avere rapporti migliori con personale nuovo e giovane
Come guidare

Come le aziende di stampa possono avere rapporti migliori con personale nuovo e giovane

Il reclutamento e la fidelizzazione rimangono un problema in molte aziende di stampa. Abbiamo parlato con Chloe Combi, autrice di best seller ed esperta di generazioni emergenti, di come gli stampatori possono massimizzare il loro rapporto con i giovani lavoratori.

28-05-2024