Il mondo di domani

Affrontare le sfide del reclutamento nella stampa in Croazia

by Dag Knepr | 15/05/2023
Affrontare le sfide del reclutamento nella stampa in Croazia

Il Club FESPA Online ha parlato con Dag Knepr, Presidente di FESPA Hrvatska (Croazia), delle sfide per convincere gli educatori e i giovani che la stampa è una buona scelta professionale – e alcune ragioni per essere ottimisti.

Un'industria della stampa senza giovani interessati a lavorarci sarebbe un problema serio. Come si è manifestata finora la mancanza di giovani nel settore della stampa?

Abbiamo riscontrato problemi con il reclutamento e la fidelizzazione negli ultimi 15 anni o più. E nell'industria della stampa croata, è ancora più visibile perché abbiamo un'enorme partenza della forza lavoro mentre le persone vanno in Germania, Austria, Svizzera e altri paesi per salari migliori. Quando si combina questo con la mancanza di interesse dei giovani per l'industria, ci si trova in una situazione davvero brutta.

In questo momento sto cercando agenti di vendita per materiali di etichettatura, ma stiamo ricevendo candidature solo da chi non ha le competenze necessarie. Dobbiamo investire un'enorme quantità di tempo nelle persone per formarle nel ruolo - circa un anno di istruzione prima che siano veramente sicure del ruolo. E se dopo quest'anno scoprono che non fa per loro e si dedicano a qualcos'altro? Quell'anno avremmo investito su di loro senza motivo, questa è una sfida.

Qual è la situazione degli apprendistati in Croazia?

Tradizionalmente c'erano numerosi apprendistati in cui i giovani trascorrevano un periodo presso varie aziende. Hanno visto la tecnologia aggiornata, hanno acquisito esperienza lavorando in un'azienda e sono stati persino pagati per questo.

In Croazia abbiamo scuole medie di grafica e università di grafica. Poi abbiamo anche alcune università con segmenti grafici. Tuttavia, negli ultimi cinque o sei anni, non c'è stato molto interesse per l'industria della stampa da parte dei genitori e dei loro figli. Le scuole medie e le università avevano problemi a convincere le persone ad arruolarsi e non a rispettare le loro quote. Ciò significava quindi che la loro stessa esistenza veniva messa in discussione, con il Ministero dell'Istruzione che discuteva se la quota dovesse essere ridotta.

Per risolvere questo problema hanno cambiato i nomi delle scuole e dei corsi che insegnano in "multimedia". Ora non stanno vendendo scuole di stampa e università di stampa: vendono media, realtà aumentata, realtà virtuale, videogiochi. Quando menzioni questi termini chiave nei tuoi materiali, i giovani si interessano perché pensano che programmeranno videogiochi. La triste verità è che si allenano per tre o quattro anni, poi scoprono che non ci sono molte aziende che creano videogiochi. È una grande nicchia e le persone guadagnano un sacco di soldi, ma su 5.000 giovani, forse 50 hanno abbastanza talento e hanno le capacità per farlo.

E quindi hanno molti studenti a cui non interessa la stampa o l'industria della grafica, ma si preoccupano dei computer e di Photoshop, Premiere Pro e Final Cut. E quello che succede è che non ha senso costringere questi giovani ad andare in tipografia per un apprendistato.

In alcuni casi, i genitori si preoccupano persino della sicurezza dei propri figli quando fanno domanda per l'apprendistato. Si preoccupano che i loro figli siano circondati da pericolosi macchinari per la stampa. Sempre meno studenti scelgono apprendistati di stampa e scelgono invece di svolgere un lavoro pratico presso la scuola.

Ciò crea un divario tra l'insegnamento della nuovissima tecnologia a scuola e ciò di cui gli stampatori hanno effettivamente bisogno. Gli insegnanti non sono informati di ciò che sta accadendo nel settore della stampa: dicono ai loro studenti ciò che pensano di aver bisogno di sapere e forse li informano male sul successo dei lavori nel settore della stampa.

Quindi credi che gli studenti non siano interessati alle carriere sulla stampa? Pensi che questo sia forse dovuto all'idea sbagliata che la stampa sia un'industria pericolosa?

C'è un detto in Croazia: "Vai all'università, altrimenti dovrai lavorare per vivere!" Abbiamo una mancanza di lavoratori qualificati manualmente. Gli stipendi degli operatori di stampa offset sono raddoppiati o triplicati negli ultimi sette o otto anni, perché non c'erano nuovi operatori in arrivo.

Naturalmente, l'attività di stampa non è così pericolosa o antigienica come una volta. Sfortunatamente, i genitori non ne sono consapevoli. Il titolare della più grande agenzia pubblicitaria in Croazia ha commentato: “Quando pubblichiamo un annuncio per il web design, riceviamo 300 candidature perché siamo un nome molto famoso e tutti vogliono lavorare qui. Ma se vogliamo un designer di imballaggi, abbiamo sette o otto candidati, e nessuno di loro ha alcun contatto reale con la produzione o il design di imballaggi, pensano solo di poterlo fare. E questa è la situazione sul mercato. Ma le scuole stanno ancora producendo web designer come matti e non si preoccupano del packaging.

In che modo l'industria della stampa o il settore dell'istruzione possono dare l'impressione che la stampa sia un lavoro altamente tecnologico, creativo e multidisciplinare?

Ecco un buon esempio di come non farlo. Nel novembre dello scorso anno c'è stata una fiera universitaria a Zagabria. Ogni università aveva uno stand per promuoversi agli alunni delle scuole medie da reclutare. La maggior parte degli stand aveva stand e immagini di bell'aspetto, ma allo stand dell'università di grafica non c'era nient'altro che un proiettore puntato contro il muro e quattro studenti, nessun membro della facoltà. Ho parlato con uno di quegli studenti che lavorano che ha detto: “L'insegnante ci ha detto qualche giorno prima che fossimo incaricati di fare lo stand. Non avevamo budget e dovevamo creare uno stand alone”.

Ho scattato foto di tutti gli stand e le ho messe su LinkedIn, dicendo che era triste per un settore che fa comunicazione visiva per vivere. Ha causato molte discussioni. Qualcuno dell'università mi ha detto: “Sai perché non ci sforziamo di fare uno stand migliore? Perché la nostra quota di studenti è piena. Non abbiamo bisogno di pubblicità. Quindi, non ha senso che investiamo tempo e denaro per promuoverlo”.

Ho detto che aveva torto. Gli ho detto che se ci avesse contattato a FESPA avremmo fatto lo stand noi stessi perché promuovere il settore grafico è importante e potrebbe spostare le percezioni dei genitori e dei giovani che hanno partecipato. È molto difficile cambiare questa mentalità culturale.

Quindi, come possono le imprese in Croazia evitare di avere a che fare con un cinico settore dell'istruzione superiore per raggiungere direttamente i giovani?

Penso che dovremmo impiegare i servizi di un'agenzia pubblicitaria o di pubbliche relazioni per promuovere i valori delle carriere di stampa e dell'industria della stampa. Non sarà economico, ma ogni volta che parlo con gli inserzionisti, mi sorprendono con le loro idee.

Nelle prossime due settimane, stiamo organizzando due autobus di studenti del primo anno dell'università per un tour di un giorno di tre aziende: una stampante offset, una stampante digitale e una stampante offset a caldo che produce riviste. È per dimostrare loro che l'industria non è solo sullo schermo e sono sicuro che rimarranno stupiti da ciò che vivranno.

Ho comprato 15 biglietti aerei da vendere ai membri FESPA per andare al FESPA Global Print Expo 2017 ad Amburgo. Ne abbiamo venduti 13 e abbiamo dato i restanti due all'università. Due studenti sono stati selezionati da un tutor di stampa digitale, e abbiamo detto loro che l'unica cosa che abbiamo chiesto era che scrivessero un diario del loro viaggio e facessero un resoconto con foto che mostrassero ciò che avevano visto e come l'avevano vissuto. Il risultato è stato eccellente: i due studenti si sono detti molto colpiti da tutto ciò che hanno vissuto in fiera. Hanno raccontato ai loro compagni di classe dell'università cosa hanno vissuto e quanto è stato meraviglioso. Pertanto, per un costo molto contenuto è possibile avere un risultato di grande impatto. Entrambi questi due studenti sono ancora nel settore della stampa.

In un panel su “ Il futuro della forza lavoro nell'industria grafica”, hai concluso che il collegamento tra istruzione e stampatori deve essere migliorato. Come possiamo farlo?

Abbiamo sentito di un progetto in cui la divisione commerciale dell'ambasciata austriaca stava promuovendo collegamenti tra insegnanti croati e aziende croate. Ciò era dovuto al fatto che l'Austria ha bisogno di lavoratori croati qualificati. Tuttavia, l'abbiamo promossa anche noi, e delle 60 aziende coinvolte di tutti i settori industriali, 19 erano stampatori. Gli stampatori sono molto consapevoli di essere nel 2023, ma sfortunatamente l'istruzione che circonda il settore è obsoleta e bloccata nel 2010. È estremamente importante perché gli insegnanti lavorano direttamente con il mercato. Vedono che i cartelloni pubblicitari non vengono stampati in serigrafia, ma in digitale, e iniziano a cambiare opinione su ciò che dovrebbero insegnare ai loro studenti che sono affascinati dalla stampa digitale.

Sei ottimista sul futuro dell'industria della stampa?

Sono ottimista che ieri l'università di grafica mi abbia chiamato e mi abbia chiesto se voglio essere coinvolto nella prossima fiera universitaria, quella che è andata così male l'altra volta [vedi sopra]. Se iniziano a cambiare idea, posso aiutare a ottenere lo standard giusto, scattare foto, promuoverlo con PR e, si spera, ottenere un effetto positivo su tutto il mercato. Pertanto, sono ottimista al riguardo. E ogni volta che incontro un giovane entusiasta comincio a diventare ottimista anch'io!

by Dag Knepr Torna alle notizie

Diventa un membro FESPA per continuare a leggere

Per saperne di più e accedere a contenuti esclusivi sul portale Club FESPA, contatta la tua associazione locale. Se non sei un membro attuale, chiedi informazioni qui . Se non ci sono associazioni FESPA nel tuo paese, puoi unirti a FESPA Direct . Una volta diventato membro FESPA, puoi accedere al Portale Club FESPA.

Notizie recenti

In che modo la produzione di adesivi personalizzati può aumentare le entrate
Consulenza aziendale

In che modo la produzione di adesivi personalizzati può aumentare le entrate

Abbiamo parlato con Antigro Designer del suo nuovo software personalizzato che mira a reinventare la produzione di adesivi.

28-05-2024
Ricami multicolori su richiesta
Consulenza aziendale

Ricami multicolori su richiesta

Conny Svanberg, esperta di ricamo digitale presso Coloreel ed espositore alla sezione Personalize Make Wear presso Personalized Experience e Sportswear Pro 2024, parla della sublimazione della tintura e della gestione del colore.

28-05-2024
Iniziare con la sensazione tattile: swissQprint
Consulenza aziendale

Iniziare con la sensazione tattile: swissQprint

Carmen Eicher, Chief Sales and Marketing Officer, swissQprint e Claudio Müller, Application Engineer, discutono del business della costruzione aptica.

28-05-2024
Come le aziende di stampa possono avere rapporti migliori con personale nuovo e giovane
Come guidare

Come le aziende di stampa possono avere rapporti migliori con personale nuovo e giovane

Il reclutamento e la fidelizzazione rimangono un problema in molte aziende di stampa. Abbiamo parlato con Chloe Combi, autrice di best seller ed esperta di generazioni emergenti, di come gli stampatori possono massimizzare il loro rapporto con i giovani lavoratori.

28-05-2024