Il mondo di domani

Addio alla plastica? I limiti degli imballaggi a base di fibre

by FESPA Staff | 24/04/2023
Addio alla plastica? I limiti degli imballaggi a base di fibre

L'imballaggio a base di fibre potrebbe essere la soluzione alla crisi mondiale dell'inquinamento da plastica, ma ha i suoi vincoli.

La sostenibilità nel packaging è in rapida evoluzione. C'è una tendenza verso i prodotti a base di fibre negli imballaggi poiché la plastica è diventata meno popolare tra i clienti. Le autorità di regolamentazione esaminano i peggiori eccessi di inquinamento, portati all'attenzione del pubblico dai media che condividono immagini di plastica scaricata nell'oceano. Grandi quantità di imballaggi, in particolare imballaggi multimateriale, non si adattano facilmente ai sistemi di riciclaggio esistenti e i tassi di riciclaggio della plastica sono stati storicamente inferiori a quelli del cartone, del metallo o del vetro.

I produttori stanno quindi cercando di creare imballaggi in plastica più monomateriale per un riciclaggio più semplice, cartone più resistente e leggero. Stanno anche cercando prodotti a base di fibre più resilienti. Un esempio è la cellulosa microfibrillata (MFC), in cui lo strato esterno delle fibre è stato strappato via. Convertendo la polpa di legno in MFC e mescolandola nella massa, i produttori possono realizzare cartone con una maggiore forza di adesione. Può essere utilizzato anche in pellicole oleate, perfette per rimuovere plastica e fogli di alluminio dalle confezioni dei prodotti alimentari.

Polpa modellata

Un altro materiale promettente è l'imballaggio in cellulosa stampata, a noi più familiare come il cartone delle uova. Qui, materiali fibrosi naturali e carta riciclata vengono riutilizzati per formare un materiale resistente, leggero e biodegradabile che può essere riciclato almeno sette volte. Attualmente, la pasta modellata viene utilizzata in nuove aree poiché i progressi tecnologici le hanno permesso di diventare più liscia e più attraente, e la sua posizione come parte di un sistema a circuito chiuso è diventata più evidente.

Tuttavia, i prodotti a base di fibre e l'allontanamento dalla plastica non sono privi di conseguenze. Grazie a questo e ad altri sviluppi, negli ultimi due decenni la produzione di carta da imballaggio, carta da imballaggio e cartone è raddoppiata. Ciò ha portato all'espansione delle piantagioni intensive di alberi in tutto il mondo e all'aumento della capacità delle cartiere. La pasta di legno può essere riciclabile, ma non è priva di effetti sull'ambiente. Tutti gli elementi di un prodotto e del suo imballaggio lungo l'intera catena di approvvigionamento dovrebbero essere presi in considerazione quando si passa a materiali a base di fibre.

Chiaramente è meglio pensare al cartone non come l'unica soluzione contro la plastica, ma come una soluzione imperfetta che può essere affinata e migliorata attraverso un'attenta analisi della sua produzione

Ad esempio, la raccolta eccessiva può portare alla deforestazione, alla perdita di biodiversità e all'erosione del suolo. La domanda di cartone può anche spostare le comunità che dipendono dalle foreste per il loro sostentamento. Gli imballaggi a base di fibre sono ad alta intensità energetica e l'energia necessaria per alimentare le fabbriche di cellulosa rappresenta la maggior parte delle emissioni di gas serra.

Impegnarsi direttamente con i produttori e garantire la trasparenza nelle catene di approvvigionamento può migliorare l'efficienza e incoraggiare l'uso di migliori standard di sostenibilità, come quelli stabiliti dal Forest Stewardship Council (FSC) e dal Programma per l'approvazione della certificazione forestale. Chiaramente è meglio pensare al cartone non come l'unica soluzione contro la plastica, ma come una soluzione imperfetta che può essere affinata e migliorata attraverso un'attenta analisi della sua produzione.

Andando avanti

Dopo la ripresa globale dalla pandemia di COVID-19, l'industria della carta e della fibra di legno in Europa è stata scossa da costi elevati di energia, materie prime e trasporti, nonché da una crescita economica lenta.

Un portavoce di CEPI (la Confederazione delle industrie cartarie europee) ha affermato che la tendenza ad abbandonare la plastica si è "principalmente (ma non solo) tradotta in una domanda di più imballaggi". Il prezzo di carta e cartone è aumentato di quasi il 10% solo tra agosto e dicembre 2021. La produzione di carta e cartone in Europa è diminuita del 5,9% nel 2022 rispetto all'anno precedente, anche se i consumi sono rimasti stabili. Ma la carta e il cartone da imballaggio continuano a guidare la crescita e la produzione rimane ben al di sopra dei livelli pre-COVID. Le cifre sono calcolate in base al tonnellaggio e non tengono conto degli sforzi del settore per ridurre il peso di tutti gli imballaggi in cartone.

Il calo della disponibilità e l'aumento dei prezzi della fibra di legno vergine o della carta per l'uso in cartone e imballaggi ha portato alcuni produttori a dare un'altra occhiata alle fibre non legnose. Il nova-Institute in Germania ha dimostrato che i flussi alternativi di fibre non legnose provenienti dall'industria agricola e tessile sono nuove ed entusiasmanti possibilità. Paglia, lino e canapa potrebbero aiutare a diversificare la disponibilità di fibre e persino portare a nuovi biomateriali per usi ancora sconosciuti.

Tree free è davvero il migliore?

Questi materiali, che spesso si presentano come sottoprodotti (come i rifiuti tessili), presentano molte differenze in termini di costo, ottica e tattilità, e le argomentazioni commerciali tra molti degli intervistati dall'istituto erano che l'uso di fibre non di legno consentiva loro di innovare nel loro marketing, ad esempio affermando che i loro prodotti erano "privi di alberi" o "ancora più rispettosi dell'ambiente".

La realtà delle fibre diverse dal legno diventerà più evidente negli anni a venire. Jori Ringman, direttore generale di CEPI, ha dichiarato: “La gestione sostenibile del nostro approvvigionamento di materie prime rimane, insieme al nostro alto livello di circolarità, le caratteristiche distintive del nostro settore. Le fibre non legnose hanno un ruolo da svolgere e saranno un componente aggiuntivo delle cartiere e degli impianti di riciclaggio del futuro. Ancora più importante, l'industria della carta può offrire una soluzione sostenibile per l'utilizzo, in modo efficiente in termini di risorse e verso un valore aggiunto più elevato, un flusso che potrebbe non essere stato utilizzato o che prima rappresentava un problema.

L'imballaggio del 10% delle consegne e-commerce di articoli non alimentari in sacchetti e scatole riutilizzabili anziché in alternative monouso comporterebbe un aumento dal 50% al 200% dei costi diretti

Altre limitazioni includono gli effetti controproducenti dei sistemi di riutilizzo e riciclaggio, economici, ambientali e sociali. Ad esempio, uno studio che valuta l'impatto sui sistemi di riutilizzo del regolamento dell'Unione europea sugli imballaggi ei rifiuti di imballaggio, che impone rigorosi obiettivi di riutilizzo, ha rilevato che ne deriverebbero un aumento delle emissioni di CO 2 e dei costi.

Ad esempio, nel caso degli imballaggi e-commerce in Germania, l'imballaggio del 10% delle consegne e-commerce di articoli non alimentari in sacchetti e scatole riutilizzabili anziché in alternative monouso porterebbe a un aumento dal 50% al 200% dei costi diretti costo per il sistema complessivo. L'imballaggio, lo stoccaggio e il trasporto contribuirebbero fortemente all'impronta di CO2, aumentandola dal 10% al 40%.

Nello stesso studio, esaminando gli imballaggi alimentari, gli autori hanno identificato notevoli implicazioni sociali e hanno riconosciuto che i consumatori dovrebbero apprendere nuovi comportamenti potenzialmente difficili, come lavare e restituire gli articoli ai punti di raccolta.

Ciò richiederebbe un cambiamento significativo nelle azioni delle persone che vada oltre il portare una borsa di stoffa al supermercato invece di usare sacchetti di plastica. Questa potrebbe essere la più grande sfida per stampatori, produttori e marchi: promuovere la propria narrativa sulla sostenibilità con chiarezza, apertura e valutazioni basate sui fatti delle prestazioni del loro prodotto.

by FESPA Staff Torna alle notizie

Diventa un membro FESPA per continuare a leggere

Per saperne di più e accedere a contenuti esclusivi sul portale Club FESPA, contatta la tua associazione locale. Se non sei un membro attuale, chiedi informazioni qui . Se non ci sono associazioni FESPA nel tuo paese, puoi unirti a FESPA Direct . Una volta diventato membro FESPA, puoi accedere al Portale Club FESPA.

Notizie recenti

In che modo la produzione di adesivi personalizzati può aumentare le entrate
Consulenza aziendale

In che modo la produzione di adesivi personalizzati può aumentare le entrate

Abbiamo parlato con Antigro Designer del suo nuovo software personalizzato che mira a reinventare la produzione di adesivi.

28-05-2024
Ricami multicolori su richiesta
Consulenza aziendale

Ricami multicolori su richiesta

Conny Svanberg, esperta di ricamo digitale presso Coloreel ed espositore alla sezione Personalize Make Wear presso Personalized Experience e Sportswear Pro 2024, parla della sublimazione della tintura e della gestione del colore.

28-05-2024
Iniziare con la sensazione tattile: swissQprint
Consulenza aziendale

Iniziare con la sensazione tattile: swissQprint

Carmen Eicher, Chief Sales and Marketing Officer, swissQprint e Claudio Müller, Application Engineer, discutono del business della costruzione aptica.

28-05-2024
Come le aziende di stampa possono avere rapporti migliori con personale nuovo e giovane
Come guidare

Come le aziende di stampa possono avere rapporti migliori con personale nuovo e giovane

Il reclutamento e la fidelizzazione rimangono un problema in molte aziende di stampa. Abbiamo parlato con Chloe Combi, autrice di best seller ed esperta di generazioni emergenti, di come gli stampatori possono massimizzare il loro rapporto con i giovani lavoratori.

28-05-2024