Consulenza aziendale

Vedere chiaramente: puntare alla trasparenza della catena di fornitura

by FESPA Staff | 28/03/2023
Vedere chiaramente: puntare alla trasparenza della catena di fornitura

Le recenti immagini scioccanti di persone che estraggono il cobalto che finirà nelle batterie ricaricabili hanno posto una rinnovata attenzione alla trasparenza della catena di approvvigionamento. Vediamo cosa significa questo per le stampanti.

Nel terzo decennio del 21° secolo, le vecchie regole del capitalismo non sono più così dominanti come una volta. Non è più sufficiente che le aziende realizzino semplicemente un profitto: l'impatto ambientale e sociale che le aziende hanno è sempre più sotto il microscopio e questi criteri costituiscono una parte crescente del valore apparente di qualsiasi attività commerciale.

Non sono importanti solo le attività dell'azienda in sé: sono altrettanto importanti le catene di approvvigionamento e l'effetto che un'azienda ha fino al suo anello più lontano. Che si tratti delle condizioni che devono affrontare i lavoratori nelle fabbriche di smartphone in Cina o delle vite disperate dei congolesi che estraggono il cobalto - che, ironia della sorte, è destinato a veicoli "ecologici", le catene di approvvigionamento sono ora un'area cruciale di preoccupazione per i clienti.

Qui esaminiamo perché è nel tuo interesse rendere trasparente la tua catena di approvvigionamento e come puoi avviare questo processo.

I vantaggi di essere trasparenti

Innanzitutto, è importante comprendere la catena di fornitura e renderla eticamente o sostenibile per un semplice motivo: è la cosa responsabile da fare. Potrebbe non essere di moda in questi giorni suggerire che il capitalismo o il mercato aperto siano di per sé una forza positiva, ma gestire un'attività di successo non dipende in realtà dalla sofferenza di qualcun altro. Cercare di assicurarsi che la tua azienda faccia meno danni nelle sue attività è semplicemente la cosa giusta da fare e sapere che stai prendendo provvedimenti per aiutare può essere personalmente gratificante.

Il 60% degli acquirenti di moda desidera maggiore trasparenza sul percorso di produzione dei propri vestiti in modo da poter prendere decisioni di acquisto etiche

Per quanto riguarda gli affari, è anche un approccio finanziariamente pratico. Il grande pubblico chiede una sostenibilità più evidente dai propri acquisti. Nel 2021, un sondaggio condotto da Avery Dennison Corporation su oltre 5.000 acquirenti di moda provenienti da Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania e Cina ha rilevato che il 60% desiderava maggiore trasparenza sul percorso di produzione dei propri vestiti in modo da poter prendere decisioni di acquisto etiche.

Se gli utenti finali lo desiderano, lo vorranno anche i clienti della stampa che riforniscono il grande pubblico. Nell'attuale clima culturale, la trasparenza della catena di fornitura può essere un fattore che può effettivamente aiutare la tua azienda a crescere. In ogni caso, i requisiti per dimostrare la provenienza etica dei tuoi prodotti non faranno che aumentare. Puoi ora rendere la tua attività a prova di futuro rendendo la trasparenza della catena di fornitura una parte fondamentale delle sue operazioni.

Azione nazionale

Un altro motivo per cui è importante guardare alla trasparenza della catena di approvvigionamento è perché le aziende sono sempre più tenute a farlo dalla legislazione nazionale e internazionale. Ad esempio, nel Regno Unito il Modern Slavery Act 2015 ha implementato nuove misure direttamente correlate alle imprese e alle loro catene di approvvigionamento. La sezione 54 della legge richiede alle aziende con un fatturato annuo di oltre 36 milioni di sterline all'anno di scrivere una dichiarazione sulla schiavitù moderna, nota anche come "dichiarazione sulla trasparenza nelle catene di approvvigionamento (TISC)". Questo elenca i passi che le imprese hanno intrapreso per prevenire la schiavitù moderna nelle loro attività e catene di approvvigionamento (è possibile trovare una guida completa su ciò che è richiesto nella dichiarazione qui.

Mentre quel particolare requisito della legge è rilevante solo per le aziende con un fatturato annuo superiore a 36 milioni di sterline, la recente guida del governo del Regno Unito per affrontare la schiavitù moderna nelle catene di approvvigionamento del governo sottolinea che "i rischi di schiavitù moderna possono essere trovati in contratti e fornitori di tutte le dimensioni, ” e coloro che sono coinvolti negli appalti pubblici o nella gestione dei fornitori del governo dovrebbero esserne consapevoli. Ciò significa che le misure stabilite nella guida possono essere rilevanti anche per le PMI e le imprese di volontariato, comunità e sociali (VCSE).

Negli Stati Uniti, la US Customs and Border Protection può essere coinvolta direttamente. Se l'agenzia ha prove ragionevoli dell'uso del lavoro forzato nella fabbricazione o nella produzione di merci che entrano nella catena di approvvigionamento nazionale degli Stati Uniti, il CBP può emettere un Withhold Release Order (WRO) e sequestrare le spedizioni fino a quando gli importatori non possono dimostrare l'assenza di lavoro forzato in la filiera del loro prodotto. Al momento della scrittura, c'erano 53 WRO attivi.

Movimenti internazionali

Non è solo paese per paese che si stanno prendendo queste misure per ridurre l'uso del lavoro forzato. A livello internazionale, una parte fondamentale degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite – SDG 8 – mira a “promuovere una crescita economica sostenuta, inclusiva e sostenibile, un'occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti”. Nello specifico, l'obiettivo 8.7 si impegna a "prendere misure immediate ed efficaci per sradicare il lavoro forzato, porre fine alla schiavitù moderna e al traffico di esseri umani e garantire la proibizione e l'eliminazione delle peggiori forme di lavoro minorile".

Nel febbraio 2022, l'Unione Europea ha pubblicato la sua bozza di European Supply Chain Act, che richiede alle aziende dell'UE di controllare i propri fornitori lungo l'intera catena di approvvigionamento globale, comprese tutte le relazioni commerciali dirette e indirette.

La certificazione tessile è ormai ben consolidata e l'approvazione da parte di un ente come Fair Wear o Fairtrade è una buona indicazione che un fornitore opera in modo etico

Come per il Modern Slavery Act del Regno Unito, questo si applica solo alle imprese che raggiungono una certa soglia: "aziende europee e organizzazioni di altri paesi che operano nell'UE con 500 o più dipendenti con un fatturato di almeno 150 milioni di euro". Tuttavia: “Per i settori ad alto rischio in cui il potenziale di rischio sia per l'uomo che per l'ambiente è particolarmente elevato, i requisiti della direttiva devono già essere soddisfatti da organizzazioni con almeno 250 dipendenti e un fatturato di 40 milioni di euro. Questi includono le industrie tessili e della pelle, l'agricoltura e la silvicoltura, la pesca e l'estrazione mineraria.

E mentre le PMI non sono direttamente interessate dai requisiti della legge, sarà comunque rilevante per loro come fornitori di grandi aziende.

Primi passi

Dove possono iniziare ad agire gli stampatori quando si tratta di assicurarsi che le loro catene di approvvigionamento siano trasparenti? Per molti versi, dipende dal settore in cui sono specializzati. Ad esempio, la terribile pressione che l'industria tessile ha tradizionalmente avuto quando si tratta di condizioni di lavoro nei paesi in via di sviluppo ha effettivamente portato ad alcuni sviluppi positivi. La certificazione tessile è ormai consolidata e l'approvazione da parte di un ente come Fair Wear o Fairtrade è una buona indicazione che un fornitore opera in modo etico.

Sempre nel settore tessile, l'approvvigionamento di cotone biologico e la ricerca del Global Organic Textile Standard (GOTS) possono fare una grande differenza. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, il cotone non biologico uccide circa 200.000 persone all'anno a causa dei pesticidi utilizzati. Poi c'è il danno indiretto causato dalla coltivazione del cotone. Poiché sul cotone vengono utilizzati più prodotti chimici rispetto ad altre colture (il cotone non biologico è responsabile del consumo di oltre il 16% della produzione totale mondiale di insetticidi e del 7% dei suoi erbicidi), molti coltivatori di cotone si indebitano, che porta ad un'alta percentuale di suicidi. Il cotone approvato GOTS evita questi problemi.

I tag o le etichette RFID possono tracciare un prodotto quasi dalle primissime fasi di produzione fino al punto di acquisto

Più in generale, per quanto riguarda la sostenibilità incentrata sull'ambiente, certificazioni come Nordic Swan Ecolabel, EU Ecolabel 'Flower', Greenguard Gold e OEKO-TEX possono tutte indicare ai clienti che un produttore sta compiendo passi verso una produzione responsabile.

Persone e tecnologia

Nonostante tutti gli aspetti positivi che derivano dal passaggio a catene di approvvigionamento più trasparenti, ci sono ancora preoccupazioni. Come ha scritto Debbie McKeegan per FESPA lo scorso anno, il greenwashing e la contraffazione delle credenziali di sostenibilità della filiera tessile sono un problema molto reale.

Tuttavia, ci sono mosse per ridurre tali problemi. Mentre alcuni sostengono che l'intelligenza artificiale semplificherà la produzione automatizzata che si tradurrà in una sostenibilità senza sprechi, vantaggi più evidenti possono essere visti nell'uso di tag o etichette RFID (Radio Frequency Identification), che possono essere utilizzati per tracciare un prodotto quasi dalla sua primissime fasi di produzione fino al punto di acquisto. Ciò ha evidenti vantaggi per l'efficienza della catena di fornitura, ma anche in termini di integrità del prodotto e della catena di fornitura, ad esempio per garantire che i prodotti non siano contraffatti.

TextileGenesis utilizza la tecnologia blockchain per autenticare le catene di approvvigionamento nell'industria tessile dall'origine della fibra originale fino al binario della boutique. La tecnologia protegge la reputazione del marchio dai falsi, crea trasparenza a livello di articolo dalla fibra al dettaglio e promuove l'ottimizzazione dell'inventario della catena del valore. È un po' come un passaporto che raccoglie francobolli mentre si muove in giro per il mondo, ed è solo una parte di un nuovo ecosistema di metriche di sostenibilità che elimina il greenwashing e consente agli enti di certificazione di confermare accuratamente le credenziali ambientali e ai governi di legiferare sulla base di solide metriche .

Per ora, però - come ci ha detto Pete Conway, amministratore delegato della stampante sostenibile di magliette I Dress Myself - avere una catena di fornitura trasparente e sostenibile si basa su un misto di fiducia, pensiero critico e un po' di lavoro investigativo: "Per me è importante per assicurarsi che i capi provengano da luoghi che pagano i loro lavoratori. Un'etichetta come Fair Wear o Fairtrade - Fair Wear aiuta i produttori, Fairtrade aiuta i coltivatori - aiuta a garantirlo.

“Quando abbiamo iniziato e da allora ogni anno, esaminiamo i nostri fornitori. Guardiamo le loro politiche etiche. Guardiamo i certificati che hanno e scaviamo nella certificazione per vedere cosa significa. In una certa misura ci fidiamo della certificazione che hanno, ma gran parte di questo processo si basa sulla fiducia. Senza recarci fisicamente negli stabilimenti – il che non è pratico – dobbiamo basarci sulla fiducia e se c'è qualcosa che ci preoccupa, o se i nostri clienti hanno domande o dubbi specifici, abbiamo contatti all'interno della catena di fornitura che può chiamare”.

by FESPA Staff Torna alle notizie

Diventa un membro FESPA per continuare a leggere

Per saperne di più e accedere a contenuti esclusivi sul portale Club FESPA, contatta la tua associazione locale. Se non sei un membro attuale, chiedi informazioni qui . Se non ci sono associazioni FESPA nel tuo paese, puoi unirti a FESPA Direct . Una volta diventato membro FESPA, puoi accedere al Portale Club FESPA.

Notizie recenti

In che modo la produzione di adesivi personalizzati può aumentare le entrate
Consulenza aziendale

In che modo la produzione di adesivi personalizzati può aumentare le entrate

Abbiamo parlato con Antigro Designer del suo nuovo software personalizzato che mira a reinventare la produzione di adesivi.

28-05-2024
Ricami multicolori su richiesta
Consulenza aziendale

Ricami multicolori su richiesta

Conny Svanberg, esperta di ricamo digitale presso Coloreel ed espositore alla sezione Personalize Make Wear presso Personalized Experience e Sportswear Pro 2024, parla della sublimazione della tintura e della gestione del colore.

28-05-2024
Iniziare con la sensazione tattile: swissQprint
Consulenza aziendale

Iniziare con la sensazione tattile: swissQprint

Carmen Eicher, Chief Sales and Marketing Officer, swissQprint e Claudio Müller, Application Engineer, discutono del business della costruzione aptica.

28-05-2024
Come le aziende di stampa possono avere rapporti migliori con personale nuovo e giovane
Come guidare

Come le aziende di stampa possono avere rapporti migliori con personale nuovo e giovane

Il reclutamento e la fidelizzazione rimangono un problema in molte aziende di stampa. Abbiamo parlato con Chloe Combi, autrice di best seller ed esperta di generazioni emergenti, di come gli stampatori possono massimizzare il loro rapporto con i giovani lavoratori.

28-05-2024