Consulenza aziendale

Smaltimento responsabile dei rifiuti: il sistema di accreditamento dei rifiuti di FESPA UK

by FESPA Staff | 24/11/2023
Smaltimento responsabile dei rifiuti: il sistema di accreditamento dei rifiuti di FESPA UK

Nella prima parte di un focus in due parti sull’approccio innovativo di FESPA UK alla sostenibilità, vediamo come il loro nuovo schema di accreditamento dei rifiuti sta già deviando tonnellate di rifiuti dalle discariche.

L'anno scorso abbiamo intervistato l'amministratore delegato di FESPA UK, Suzi Ward, sui primi passi compiuti da FESPA UK per aiutare gli stampatori a smaltire i rifiuti di materiale in modo responsabile. All'epoca, a un anno dall'inizio del piano quinquennale di sostenibilità di Suzi, si erano registrati alcuni successi iniziali e una partnership in via di sviluppo con la principale società di outsourcing della gestione dei rifiuti del Regno Unito, Reconomy .

Ora, un anno dopo, quel rapporto è diventato più forte con il direttore dell'economia Jon Hutton nominato ufficialmente consulente per la sostenibilità di FESPA UK. Grazie ai 23 anni trascorsi nel settore della gestione dei rifiuti, Jon ha una conoscenza approfondita delle opportunità e delle soluzioni per i rifiuti di stampa. Insieme a Suzi, FESPA UK ha sviluppato alcune iniziative straordinarie che stanno già contribuendo a rivoluzionare l'approccio del settore della stampa alla sostenibilità.

Il bello del settore grafico è che il prodotto – responsabile di circa l’80% dello spreco complessivo di una campagna – resta nell’ambito commerciale

Uno dei primi programmi implementati da FESPA UK lo scorso anno è stato quello della gestione del tessuto per banner in PVC. Da allora, a ciò si sono aggiunte soluzioni per pannelli in schiuma di PVC rigido. Le aziende coinvolte nel programma di accreditamento dei rifiuti di FESPA UK stanno spostando centinaia di tonnellate attraverso una struttura partner che distrugge il materiale e lo trasforma in pannelli per fasce per proprietà di nuova costruzione. Jon è riuscito anche a trovare percorsi per riciclare con successo polipropilene rigido e autoadesivo e carta siliconata.

L'accreditamento è ciò di cui hai bisogno

Tuttavia, piuttosto che semplici soluzioni individuali, uno degli sviluppi più interessanti e forse il più efficace è il nuovo schema di accreditamento dei rifiuti di FESPA UK.

"L'accreditamento dei rifiuti che abbiamo creato è finalizzato ai produttori di rifiuti, in questo caso la comunità della stampa, per massimizzare la loro sostenibilità", afferma Jon.

“Il bello del settore grafico è che il prodotto – responsabile di circa l’80% dello spreco complessivo di una campagna – rimane nell’ambito commerciale. Quindi, c’è la possibilità di catturare quel materiale, mentre se entrasse nell’ambito domestico, come le etichette sulle bottiglie di shampoo, andrebbe perso.

“Con questo settore e l’entusiasmo che stiamo vivendo attualmente, abbiamo l’opportunità di catturare una maggiore quantità di rifiuti prodotti sia alla fine della produzione che alla fine della campagna”.

Il progetto ha avuto un successo incredibile e in meno di un anno si è già assicurato alcuni clienti importanti, come GES, Stylographics e Hollywood Monster.

Può essere difficile separare la realtà dal marketing, ma possiamo guardarla in modo diverso e darle uno sguardo più obiettivo

“L’obiettivo generale dell’accreditamento è migliorare l’economia circolare e mantenere i materiali nel sistema il più a lungo possibile”, afferma Jon.

“Ci siamo resi conto che gli stampatori dovevano affrontare sfide in tutti i settori in termini di sostenibilità. È importante scegliere i materiali giusti, il che può essere difficile perché i fornitori sono molto bravi a informare le persone solo sui vantaggi dei loro prodotti. Può essere difficile separare la realtà dal marketing, ma possiamo guardarla in modo diverso e darle uno sguardo più obiettivo.

“Quindi possiamo consigliare le persone su cosa fare con i materiali al termine della produzione e alla fine della campagna, e come smaltirli al meglio. Collaboriamo anche con i fornitori per vedere cosa possono offrire e come possono essere responsabili anche dello smaltimento dei materiali”.

Il processo di accreditamento

“È facile creare un accreditamento, ma ci siamo resi conto fin dall'inizio che avevamo bisogno di un processo chiaro affinché le persone lo ottenessero e lo mantenessero. Jon raggiunge questo obiettivo gestendo i rifiuti per le persone. Possiamo quindi affermare con assoluta certezza che sappiamo dove sono finiti i rifiuti e possiamo dare alle persone la totale responsabilità. Se non si regola rigorosamente l'accreditamento, non significa nulla”, spiega Suzi.

Per iniziare il processo di accreditamento, inizialmente Jon effettua una valutazione dell'azienda.
“Siamo lì per consigliare, in primo luogo comprendiamo cosa sta facendo l'azienda, come gli appaltatori, i servizi di raccolta e i processi di trattamento utilizzati. Da lì vado al mercato per analizzare le alternative disponibili. Ciò mi consente di preparare un rapporto che dettaglia la loro attuale posizione ambientale e, sotto l’accreditamento, cosa possiamo fare per aiutare a gestire meglio i rifiuti”, afferma Jon.

“Una volta presentato il rapporto che afferma che questo è dove siete, ed è qui che potete essere con l'accreditamento, la maggior parte delle aziende di stampa lo percepiranno come una proposta interessante. In questo processo, Reconomy si occuperà della gestione dei rifiuti di una stampante per rimuoverne l’onere e, man mano che le cose cambiano e la tecnologia migliora, potremo incorporare nuovi sviluppi nella gestione dei rifiuti di un’azienda”.

Jon e Reconomy operano sulla gerarchia dei rifiuti per garantire che nulla venga messo in discarica.
“Attualmente non ricicliamo quanto vorremmo, ma ciò accade perché l'industria del riciclaggio non si presta ancora ai tipi di materiali prodotti dal settore della stampa. Ma stiamo riciclando con successo centinaia di tonnellate di PVC e polipropilene. Stiamo anche istruendo gli stampatori a utilizzare i pannelli in fibra perché esistono mercati facilmente disponibili per i pannelli in fibra riciclata”, afferma Jon.

“Utilizziamo l'infrastruttura disponibile, ma se c'è qualcosa che non abbiamo un percorso per il riciclaggio, va nella termovalorizzazione, quindi ha almeno una certa utilità come prodotto a fine vita. Non ci limitiamo a massimizzare il riciclaggio, ma lavoriamo su una piattaforma più avanzata per massimizzare la sostenibilità rispetto a ciò che è disponibile e ciò che consente alle aziende di guadagnare denaro. Vogliamo aiutare l’industria ad andare avanti con un approccio sensato e realistico, cercando al tempo stesso di trovare percorsi alternativi per il riciclaggio dei materiali che sono molto impegnativi”.

Casi studio

A volte, anche dopo la valutazione iniziale, Jon può fare ben poco. Ad esempio, quando un’azienda mette tutti i suoi rifiuti in un unico contenitore, dove entrano tutti i tipi di substrato e non c’è spazio per lo stoccaggio, forse tutto ciò che si può ottenere è evitare la discarica e inviare i rifiuti al termovalorizzatore.

“Tuttavia, abbiamo altre aziende con cui lavoriamo in una situazione simile in cui esistono soluzioni. Ad esempio, ora stiamo lavorando con un fornitore di prodotti che gestisce un programma di ritiro con diversi clienti e porta via i pannelli in schiuma, gli acrilici e il polipropilene di scarto quando effettua la consegna di un nuovo prodotto. Successivamente utilizziamo un rimorchio per raccogliere il materiale di scarto dal deposito del fornitore, il che ci fornisce circa 15 tonnellate di materiale alla volta”, afferma Jon.

La settimana scorsa abbiamo lavorato con un cliente che fornisce involucri edilizi di 20 m x 5 m e li abbiamo consegnati a un impianto di combustibile derivato dai rifiuti per deviarli dalla discarica

“Ciò fa risparmiare denaro all’azienda di stampa perché non deve più gettare il materiale nei contenitori dei rifiuti, che costano circa 180 sterline la tonnellata. Il fornitore si è reso conto che esiste un'opportunità per trarre vantaggio dalla sua base di clienti e offrire ai propri clienti la sostenibilità. Infatti, hanno iniziato ad offrire gli stessi servizi ad altri clienti.

“Molte persone sono salite a bordo; non solo produttori e fornitori, ma anche società di gestione della stampa. La settimana scorsa abbiamo lavorato con un cliente che fornisce involucri edilizi di 20 m x 5 m e li abbiamo consegnati a un impianto di combustibile derivato dai rifiuti per deviarli dalla discarica. Ho inviato il certificato per confermarlo ieri."

Diffondere la voce

La ricerca di percorsi di riciclaggio alternativi per materiali impegnativi è il luogo in cui la conoscenza, l'esperienza e l'impegno di Jon per la sostenibilità si stanno davvero rivelando un fattore di cambiamento.

"Questo è qualcosa che Jon fa costantemente", dice Suzi. “In background, prova costantemente cose diverse con diversi riciclatori per vedere dove sono le opportunità con molti materiali diversi. Stiamo cercando di fare tutto questo nel Regno Unito perché, non appena inizi a provare a esportare rifiuti, ti trovi di fronte a sfide di sostenibilità. Pertanto, cerchiamo sempre di innovare e creare innovazione, che è la terza parola chiave su cui lavora la nostra nuova Sustainable Waste Academy”.

La reputazione del programma di accreditamento dei rifiuti di FESPA UK e delle relative soluzioni di gestione dei rifiuti sostenibili sta crescendo al punto che l'esperienza di Suzi e Jon viene ricercata all'estero.

“All’inizio di quest’anno, siamo stati contattati da una mostra per riportare i rifiuti ad Amsterdam all’inizio di quest’anno. Jon ha aiutato a smaltire tutti i rifiuti della mostra nel Regno Unito perché lì semplicemente non sapevano come gestirli. Una parte fondamentale di questo impegno è focalizzata sull’aiutare a educare altri paesi anche con semplici passaggi”, afferma Suzi.

“Non sono stati coinvolti solo i siti di produzione statici, ma anche altre aree del settore. Ci sono sfide e metà della sfida consiste nel diffondere il messaggio. Ma stiamo riscontrando un grande entusiasmo anche nel settore della stampa per affrontare davvero il problema dei rifiuti”.

Per maggiori dettagli sullo schema di accreditamento dei rifiuti, visitare fespauk.com/waste-accreditation

Per saperne di più sulla nuova Sustainable Waste Academy di FESPA UK, leggi la seconda parte della nostra intervista con Suzi e Jon qui .

by FESPA Staff Torna alle notizie

Diventa un membro FESPA per continuare a leggere

Per saperne di più e accedere a contenuti esclusivi sul portale Club FESPA, contatta la tua associazione locale. Se non sei un membro attuale, chiedi informazioni qui . Se non ci sono associazioni FESPA nel tuo paese, puoi unirti a FESPA Direct . Una volta diventato membro FESPA, puoi accedere al Portale Club FESPA.

Notizie recenti

 Tutto quello che devi sapere su Midjourney e la grafica AI
Consulenza aziendale

Tutto quello che devi sapere su Midjourney e la grafica AI

Marshall Atkinson, autore della newsletter Midjourney Experience, spiega come questo incredibile strumento di intelligenza artificiale può sbloccare la creatività progettuale.

23-02-2024
 Mimaki e la potenza della stampa DTF
Consulenza aziendale

Mimaki e la potenza della stampa DTF

Marc Verveem, Product Manager EMEA di Mimaki Europe, parla dell'efficienza dei costi e dei vantaggi in termini di sostenibilità della stampa diretta su pellicola (DTF).

23-02-2024
Come integrare l'intelligenza artificiale nei servizi clienti
Come guidare

Come integrare l'intelligenza artificiale nei servizi clienti

I chatbot stanno diventando sempre più utili e sofisticati. Cosa possono fare per te e perché le aziende di stampa dovrebbero abbracciare questo aspetto dell’intelligenza artificiale rivolto al cliente?

23-02-2024
Chiudere i confini del carbonio con CBAM
Consulenza aziendale

Chiudere i confini del carbonio con CBAM

Gli stampatori dovranno essere consapevoli delle loro emissioni future e dovranno rimanere conformi alle nuove tasse sul carbonio sia nell’Unione Europea che nel Regno Unito.

23-02-2024