Caratteristiche

Come prevenire i guasti alle macchine per migliorare la produttività

by Nessan Cleary | 17/11/2022
Come prevenire i guasti alle macchine per migliorare la produttività

Nessan Cleary discute l'importanza di capire come si usurano i componenti e come questo può prevenire i guasti della macchina per migliorare e aumentare la produttività.

La redditività dipende in gran parte dalla produttività, che a sua volta dipende da tutte le macchine che funzionano come previsto. La stampa di grande formato è un settore di mercato ragionevolmente maturo e la maggior parte delle macchine tipicamente utilizzate in questo settore sono in grado di durare molti anni, a condizione che vengano sottoposte a una corretta manutenzione. Ciò significa svolgere le attività quotidiane e sostituire i componenti man mano che si usurano.

C'è un'ovvia tentazione di allungare la vita dei singoli componenti per ridurre i costi di manutenzione, ma questo rischia di rompere la macchina e fermare la produzione. Quasi tutti i beni strumentali e in particolare le stampanti possono produrre una serie di informazioni come il numero di lavori completati e la quantità di inchiostro consumato. Possono anche tenere d'occhio i componenti principali e le loro condizioni. L'analisi di queste informazioni può aiutare a diagnosticare rapidamente i problemi e suggerire quando sostituire le parti prima che portino a un guasto. Tuttavia, diversi fornitori di stampanti hanno approcci diversi per accedere a queste informazioni.


L'approccio più basilare dovrebbe essere quello di esportare le informazioni in modo che gli utenti possano inviarle a un MIS per un'analisi adeguata. Erskine Stewart, amministratore delegato di SwissQprint UK, sottolinea che molte aziende svizzere e tedesche adottano un approccio più cauto incentrato sulla privacy nella gestione dei dati dei clienti. La maggior parte dell'attuale gamma di flatbed di SwissQprint utilizza il vecchio sistema operativo Amber, che registra file XML dettagliati che i clienti possono inviare a un MIS per la propria analisi. Tuttavia, sottolinea che molte aziende più piccole non utilizzano un MIS per l'analisi aziendale.

Tuttavia, SwissQprint ha sviluppato un nuovo sistema operativo, chiamato Lory, che viene utilizzato sulla sua stampante roll-to-roll Karibu e sull'ultimo flatbed, il Kudu. Questo può anche generare un file XML ma include anche strumenti per la diagnostica e la manutenzione preventiva.

Stewart spiega: “Abbiamo un sistema Connect con tre livelli di funzionalità disponibili, a seconda della quantità di dati che i clienti desiderano condividere.

Siamo in grado di fornire alcune funzionalità di base come aggiornamenti software, tracciamento degli errori e identificazione di inchiostri fuori specifica. Un altro livello consente al sistema di caricare informazioni riguardanti la configurazione della macchina, l'analisi dei problemi e il tracciamento degli inchiostri. E un altro livello che ci fornisce ulteriori analisi approfondite e opportunità di miglioramento del prodotto, a seconda della quantità di dati che i clienti desiderano condividere con noi".

Aggiunge: "Una delle misurazioni chiave che utilizziamo per determinare determinate azioni di servizio è il consumo di inchiostro, quindi la quantità di inchiostro che passa attraverso un filtro o un'unità di degasaggio determinerà quindi determinati intervalli di servizio".

Osserva che l'utilizzo dei dati può aiutare l'azienda a rispondere in modo più appropriato alle esigenze di manutenzione dei clienti, aggiungendo: "La richiesta dei nostri clienti di avere una maggiore affidabilità e tempi di attività più elevati è fondamentale e penso che la manutenzione preventiva sarà una parte importante di questo".


Fujifilm ha introdotto una gamma di nuove stampanti di grande formato nell'ultimo anno circa. Adam Moore, product manager di Fujifilm Specialty Ink Systems, spiega: “Abbiamo esaminato come migliorare la manutenzione preventiva, la diagnostica remota e i dati analitici per i nostri clienti. Inizialmente avevamo pianificato di mantenere i dati interni in modo da poter ottenere una migliore manutenzione preventiva, ma i dati prodotti dalla macchina erano così ricchi e potenti che dovevano essere presentati al cliente. I clienti sono sempre più informati e vogliono sapere come funzionano le loro macchine, vogliono conoscere l'utilizzo dell'inchiostro e il tempo necessario per eseguire un lavoro. Vogliono sapere se le cose devono essere risolte o quando possono pianificare gli intervalli di manutenzione nei loro impegni.

Fujifilm ha sviluppato una dashboard basata su cloud che mostra diversi punti di vista all'operatore della macchina, al direttore di produzione o al personale di vendita e assistenza Fujifilm. Ciò consente a Fujifilm di tenere d'occhio la macchina e di suggerire eventuali interventi di manutenzione necessari e la Dashboard avverte inoltre gli utenti di eventuali esigenze di assistenza imminenti. Non ci sono costi aggiuntivi per accedere al Dashboard e, se necessario, i clienti possono esportare i dati in un MIS. Ma Moore sottolinea che un MIS non sarà necessariamente in grado di comprendere le prestazioni oi singoli componenti. Aggiunge: "Teniamo traccia di cose come i movimenti del carrello, le pompe e i filtri dell'inchiostro e il sistema di ricircolo sugli inchiostri bianchi, quindi notificherà cose al di fuori del loro ambito come una pompa che non si attiva quando previsto".


EFI si è basata principalmente sulle visite dei clienti, determinate dai contratti di assistenza, per valutare le esigenze di assistenza delle sue macchine. Ma l'azienda offre ai clienti il suo sistema di analisi Fiery iQ, che è un servizio con licenza che mostra tutto, dall'utilizzo dell'inchiostro all'analisi dei tempi di inattività e della produttività.

Greg Hatchett, Inkjet Technical Support and services director per la regione EMEA, afferma: “Stiamo appena iniziando a considerare l'IA. Le ultime stampanti della serie H introdotte nel 2018 hanno molta più connettività, quindi possiamo vedere cose come velocità del motore, velocità della ventola, sensori di pressione, temperatura e umidità, così possiamo vedere molto di più per aiutare il cliente da remoto. Quindi possiamo accedere alla stampante se il cliente ha un problema e ci contatta e possiamo vedere cosa è successo prima di un particolare evento e da questo avere una buona idea di quale sia il problema prima di andare sul sito e poter ordinare i ricambi in avanzare."

Hatchett afferma che le stampanti EFI sono dotate di una serie di sensori e interruttori come standard e che è in grado di risolvere in remoto un numero crescente di problemi. Aggiunge: “Penso che il prossimo anno o giù di lì vedrà un grande passo avanti. Anche se al momento c'è molta inflazione, i prezzi degli interruttori e dei trasmettitori sono scesi, quindi ora stiamo usando i trasmettitori al posto dei semplici interruttori e possiamo vedere come la pressione aumenta, possiamo vedere la velocità del motore, la velocità della ventola, sensori di temperatura a bordo, componenti elettronici che si riscaldano e questo è qualcosa che puoi quindi inserire nel tuo piano di manutenzione. Quindi, se una scheda si è guastata, puoi vedere che si è guastata due giorni dopo aver raggiunto i 100ºC, quindi puoi impostare gli allarmi nel tuo software ora e questo è il passo successivo per noi. Possiamo vedere cosa sta succedendo con le stampanti e possiamo chiamare in modo proattivo i clienti e dire che verremo perché avrai un guasto.


Anche Durst dota le sue stampanti di una gamma di sensori che può utilizzare per misurare le prestazioni rispetto alle specifiche. Christian Casazza, Customer Service Director del Gruppo Durst, ha spiegato: "La combinazione di sensori intelligenti e valutazione software per i dati di componenti e macchine costituisce la base per la manutenzione predittiva: il rilevamento di stati di errore o la necessità di assistenza o sostituzione di parti di ricambio in anticipo in modo che la produzione possa essere regolata di conseguenza.

Nel 2021 Durst ha iniziato a collaborare con la Libera Università di Bolzano (unibz) su un progetto finanziato dall'UE chiamato Premise, per sviluppare algoritmi per misure di manutenzione predittiva sugli impianti di produzione. Casazza aggiunge: “Con il progetto “Premise” facciamo un ulteriore passo avanti e utilizziamo metodi di intelligenza artificiale per rendere queste previsioni e interventi prima di un'emergenza ancora più efficienti e per poterli applicare anche a relazioni causali complesse”.

Durst ha raccolto dati da clienti di tutto il mondo, con il loro permesso, tramite il suo software Durst Analytics. Questo viene ora utilizzato attraverso il progetto Premise per "addestrare" gli algoritmi a prevedere potenziali problemi. Durst spera che entro il 2025 i suoi clienti non dovranno affrontare un servizio non pianificato.

Casazza spiega: “Tracciando e analizzando costantemente i dati ei parametri dei sensori, saremo in grado di determinare se una parte si guasterà prima che si guasti. Questo ci dà il tempo di organizzare in modo proattivo con i nostri clienti un intervento di assistenza in base alla loro pianificazione della produzione. Ad esempio, misurando il consumo di energia di un motore o misurando la pressione differenziale, si possono trarre conclusioni sulle condizioni di un pezzo di ricambio o di consumo”.

Questa capacità di monitorare i componenti e prevedere i guasti in modo che la manutenzione possa essere pianificata in base ai cambi di turno e ai tempi di inattività diventerà sempre più critica man mano che le tipografie passeranno a un modo di lavorare più snello e automatizzato. L'automazione è essenziale per aumentare la produttività, ma dipende essa stessa dall'affidabilità, e quindi dalla manutenzione, delle macchine.

by Nessan Cleary Torna alle notizie

Interessato ad entrare a far parte della nostra community?

Richiedi oggi stesso per entrare a far parte della tua Associazione FESPA locale o FESPA Direct

Informarsi oggi

Notizie recenti

Blog

Controllo del processo per la stampa di grande formato - Controllo della garanzia di qualità

Paul Sherfield discute la fase finale di un flusso di lavoro gestito a colori e spiega l'importanza di utilizzare controlli di garanzia della qualità e software specializzati.

02-02-2023
Blog

È ora di raggiungere lo zero netto

Laurel Brunner consiglia alle aziende di sottoporsi alle linee guida ISO Net-Zero che presentano varie raccomandazioni e principi guida per il raggiungimento di emissioni di anidride carbonica pari a zero entro il 2050.

01-02-2023
Caratteristiche

Arredamento d'interni Approfondimenti di mercato, tecnologia e tendenze

La digitalizzazione dell'industria della decorazione d'interni sta avanzando in linea con le principali tendenze del mercato in tutto il settore. Mentre la catena di approvvigionamento si flette e si sposta per soddisfare un nuovo paradigma di produzione per la decorazione, ovvero: modelli di business che offrono creatività, stabilità e realizzazione agile. L'industria degli interni sta passando alla produzione on-demand e offre al settore della stampa un'opportunità praticabile e in espansione.

31-01-2023
Video
21:06

Personalizzazione con Canon Europe

L'ambasciatore dell'esperienza di personalizzazione di FESPA, Richard Askam, parla con Mathew Faulkner, direttore del marketing e dell'innovazione di Canon Europe. Mathew descrive la personalizzazione come un'opportunità non sfruttata per gli stampatori che offre un coinvolgimento significativo ed emotivo del cliente.

27-01-2023
Personalizzazione con Canon Europe